Certificazioni di qualità Firenze Pistoia Toscana - Certificazione di Qualità Firenze Pistoia Toscana
Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione (vedi Policy)   -    Continuando la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookies OK

Normativa Impianti elettrici
DPR 1767/51 - Normativa ascensori

Decreto del Presidente della Repubblica 24 dicembre 1951, n. 1767 (in Gazz. Uff., 17 marzo 1952, n. 66).

Approvazione del regolamento per l'esecuzione della legge 24 ottobre 1942, n. 1415, concernente l'impianto e l'esercizio di ascensori e di montacarichi in servizio privato (dalla data di nomina del primo governo costituito a seguito delle prime elezioni politiche successive all'entrata in vigore del d.lg. 30 luglio 1999, n. 300, le prefetture sono trasformate in uffici territoriali del governo; il prefetto preposto a tale ufficio nel capoluogo della regione assume anche le funzioni di commissario del governo (art. 11, d.lg. 300/1999, cit.).



REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DELLA LEGGE 24 OTTOBRE 1942, N. 1415, CONCERNENTE L'IMPIANTO E L'ESERCIZIO DI ASCENSORI E DI MONTACARICHI IN SERVIZIO PRIVATO



Art. 1. Licenza di impianto.

Articolo abrogato dall'art. 20, d.p.r. 30 aprile 1999, n. 162.



Art. 2. Libretto di matricola.

Articolo abrogato dall'art. 20, d.p.r. 30 aprile 1999, n. 162.



Art. 3. Licenza di esercizio.

Articolo abrogato dall'art. 20, d.p.r. 30 aprile 1999, n. 162.



Art. 4. Rinnovo della licenza di esercizio.

Articolo abrogato dall'art. 20, d.p.r. 30 aprile 1999, n. 162.



Art. 5. Targhe.

Articolo abrogato dall'art. 20, d.p.r. 30 aprile 1999, n. 162.



Art. 6. Commissione per l'abilitazione del personale di manutenzione.

Il Prefetto determina la data delle sessioni di esami per il rilascio dei certificati di abilitazione previsti dall'art. 5 della L. 24 ottobre 1942, n. 1415, sentito l'Ispettorato del lavoro e le associazioni sindacali, in relazione al numero delle domande presentate e del personale disponibile in rapporto alle esigenze pubbliche e private.
La Commissione di cui all'art. 5 della L. 24 ottobre 1942, n. 1415, è nominata dal Prefetto ed è composta da quattro membri: un funzionario del Genio civile, uno dell'Ispettorato del lavoro, uno dell'Ispettorato della motorizzazione civile e dei trasporti in concessione, uno dell'Ente nazionale di propaganda per da prevenzione degli infortuni, designati dalle rispettive amministrazioni.
Il funzionario del Genio civile ha le funzioni di presidente.
Le amministrazioni statali che hanno propri ruoli di ingegneri potranno chiedere al Prefetto che nell'esame di abilitazione dei loro dipendenti un proprio funzionario faccia parte della commissione di esame.
L'esame teorico-pratico deve essere sostenuto dinanzi ad almeno tre membri della commissione.
A ciascuno dei componenti della commissione esaminatrice spettano i compensi dovuti ai funzionari dello Stato che fanno parte di commissioni esaminatrici per pubblici concorsi.



Art. 7. Domanda di abilitazione per il personale di manutenzione.

L'aspirante al certificato di abilitazione, per essere ammesso all'esame teorico-pratico deve presentare al prefetto:
a) domanda in carta legale corredata del certificato di nascita da cui risulti di aver compiuto 18 anni;
b) certificato penale;
c) eventuale dichiarazione di una ditta specializzata attestante le mansioni in precedenza espletate presso di essa;
d) fotografia del candidato con firma autenticata dal sindaco o dal notaio.



Art. 8. Prova teorico-pratica da sostenersi dinanzi alla commissione.

L'aspirante sarà sottoposto ad un esame orale e ad una prova pratica.
L'esame orale deve accertare la conoscenza generale delle leggi e delle norme tecniche, dei principali tipi di ascensori, del loro complesso elettrico e meccanico e delle relative parti, dei pericoli derivanti da cause elettriche o meccaniche nell'esercizio delle proprie mansioni.
La prova pratica tende ad accertare la conoscenza della manutenzione dei singoli organi, della verifica delle funi, della prova dei dispositivi di chiusura, di controllo, di fine corsa, di quelli paracadute, dello stato di isolamento dell'impianto elettrico. L'aspirante dovrà inoltre dimostrare di sapere operare la manovra di soccorso in caso di arresto della cabina fra piano e piano od in caso di incidenti, di saper intervenire in caso di manomissione dell'impianto.



Art. 9. Certificato di abilitazione.

Il certificato di abilitazione viene rilasciato dal Prefetto a spese del titolare, a seguito del parere favorevole della commissione d'esame.
Il proprietario dello stabile o altro titolare della licenza di esercizio dell'ascensore o montacarichi ed i funzionari preposti al controllo sono tenuti ad assicurarsi che il personale incaricato della manutenzione dell'impianto sia munito del certificato di cui sopra.



Art. 10. Intervento del prefetto nei casi di inosservanza.

In caso di inosservanza delle disposizioni della L. 24 ottobre 1942, n. 1415, del D.Lgt. 31 agosto 1945, n. 600, e di quelle di cui agli articoli precedenti, il Prefetto dispone direttamente, o su proposta degli organi incaricati della vigilanza sull'esercizio e manutenzione degli ascensori e montacarichi, il fermo dell'apparecchio e l'adozione delle relative cautele.
Le disposizioni impartite ed il verbale in conseguenza redatto vanno notificati al proprietario dell'ascensore o montacarichi e all'intestatario della licenza di esercizio.



Art. 11. Norma transitoria.

Articolo abrogato dall'art. 20, d.p.r. 30 aprile 1999, n. 162.

AVVERTENZA: I testi dei documenti riportati non hanno carattere di ufficialità. L'unico testo ufficiale quello pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Italiana a mezzo stampa.
HT S.r.l.
via Cimabue, 1 - 51100 - Pistoia - Toscana - Italia - tel 0573/904172 - fax 0573/905293
Unit di Firenze: Via Livorno, 8/28 - 50142 - Firenze - Toscana - Italia - tel 055/435524 - fax 055/4249094
info@htcertificazioni.it


HT Ente accreditato Accredia


Copyright © 2012 - Tutti i diritti riservati
Siti internet by InYourLife

Normativa Impianti elettrici     
Privacy policy